Antimafia nelle scuole

La proposta di legge

Oggi Tania Passa, esponente nazionale dei Ds, presenterà la legge in Calabria, insieme a Giovanni Impastato. Il suo obiettivo è inserire l’insegnamento dell’Antimafia nelle scuole di secondo grado. Una raccolta di firma potrebbe accelerare i tempi di approvazione parlamentari

Si sta battendo sin dalla scorsa estate per inserire l’insegnamento di Antimafia nelle scuole di secondo grado. Da allora ha portato avanti le sue ragioni attraverso una proposta di legge d'iniziativa popolare. La legge è stata scritta ed è consultabile all’indirizzo http://wwww.dsonline.it/aree/informazione/documenti/dettaglio.asp?id_doc=43764. Nella sua battaglia è stata aiutata da Clelia Piperno, docente dell'Università di Teramo . Ora il testo è stato consegnato a Giuseppe Lumia che si farà primo firmatario, insieme ad altri quattro deputati, della proposta di legge d'iniziativa popolare (anche così si può proporre una legge). Per accelerare i tempi di approvazione del Parlamento, ha dato il via ad una raccolta di firme, attraverso un appello che si può trovare, con i correlati moduli, al link http://wwww.dsonline.it/allegatidef/fogliofirme43764.doc. Oggi Tania Passa, esponente nazionale dei Ds, presenterà la legge a Saracena, in Calabria, insieme a Giovanni Impastato. Il suo impegno è sensibilizzare all’organizzazione di quante più iniziative possibili per raccogliere firme da consegnare ai presidenti di Camera e Senato e al presidente della Repubblica. I moduli firmati posso essere spediti al seguente indirizzo: Via Palermo , 12 – 00184 ROMA Democratici di Sinistra Direzione Nazionale Tania Passa con riferimento: “appello per una legge sull'introduzione dell'insegnamento dell'Antimafia nelle scuole”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!