Aqp-Asi. Accordo trovato

Il commento di Montinari

“Le imprese delle zone industriali della Provincia di Lecce non dovrebbero più correre il rischio di vedersi staccare l’acqua”. Piero Montinari, presidente di Confindustria Lecce saluta con entusiasmo l'accordo raggiunto tra Aqp e Asi

“Siamo soddisfatti dell’intesa raggiunta tra Acquedotto pugliese (Aqp), Consorzio Asi e Regione Puglia, poiché il tavolo intorno al quale si sono svolti i lavori è stato voluto e chiesto al presidente Nichi Vendola da Confindustria Lecce, quando Aqp aveva interrotto l’erogazione dell’acqua alle aziende salentine per mancato pagamento delle bollette da parte del Consorzio”. Esordisce così Piero Montinari, presidente di Confindustria Lecce, nel commentare l’accordo siglato venerdì scorso tra Aqp e Consorzio Asi con la garanzia della Regione Puglia, a Bari, dove è intervenuto in rappresentanza delle aziende salentine. “Grazie a tale accordo – continua Montinari – le imprese delle zone industriali della Provincia di Lecce non dovrebbero più correre il rischio di vedersi staccare l’acqua, con tutte le ‘pericolose’ conseguenze economiche, sociali e produttive che avevo opportunamente segnalato e paventato al presidente Vendola nelle scorse settimane”. Il condizionale, tuttavia, è d’obbligo. “L’accordo siglato ieri – spiega Montinari – fonda, infatti, il suo presupposto essenziale su un puntuale pagamento delle bollette da parte del Consorzio, adempimento che, ad oggi, non è scontato. E’ necessario che il Consorzio Asi si attivi per la predisposizione di un piano industriale attraverso il quale evidenziare come e in quanto tempo reperire i fondi non solo per ripianare la propria posizione debitoria nei confronti dell’Aqp, ma anche per ottemperare ai compiti che gli sono stati attribuiti per statuto. In quest’ottica – afferma Montinari – Confindustria Lecce auspica massima collaborazione da parte dei soci e dell’ente regionale onde dotare il consorzio dei mezzi finanziari necessari per permettere una gestione capace di rispondere con tempestività alle esigenze delle imprese. Rimane aperta tra Aqp e Consorzio – aggiunge il presidente degli industriali – la questione della verifica dei contratti di fornitura di acqua, accertamento indispensabile per eliminare tutte le contestazioni, le criticità ed il conseguente contenzioso che blocca di fatto l’operatività del Consorzio. Alla luce di tutto ciò – conclude – Confindustria Lecce presterà la massima attenzione e vigilerà affinché questa ed altre inefficienze del Consorzio Asi, degli enti locali e/o delle pubbliche amministrazioni non vengano fatte scontare indebitamente alle imprese”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!