Salve. Un territorio in rete

Incontro pubblico sui Centri Capsda

Questo pomeriggio alle ore 15.30 presso Palazzo Ramirez, in piazza Concordia a Salve, l’amministrazione comunale di Salve, in qualità di ente capofila del Pis n. 14 “Turismo, cultura e ambiente nel territorio del Sud Salento” organizza l’incontro pubblico “Sud Salento – Un territorio in rete”. Confronto aperto su innovazione, informazione e conoscenza, tra esperienze, attori e politiche della Società dell’Informazione

Dopo il saluto di apertura di Giovanni Siciliano, (presidente della Conferenza dei Sindaci del Pis n. 14 e sindaco di Salve, Comune attuatore e Capofila del Progetto Capsda) interverranno il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella P.A. Luigi Nicolais, il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e l’assessore allo Sviluppo economico e Innovazione tecnologica della Regione Puglia Sandro Frisullo. Nel corso dell’incontro, che sarà moderato dal direttore del Tg2 Mauro Mazza, sono previsti anche interventi sul tema di Ennio Bertolazzi (Direttore Generale Ufficio IV – Dipartimento Innovazione e Tecnologie Regione Puglia), di Valerio Elia (Università del Salento) e di Roberto Calà (coordinatore Progetto Capsda Sud Salento). Nei 62 Comuni del Sud Salento, la realizzazione dei due progetti Capsda e Pidss consentirà la costituzione di un’unica piattaforma telematica per i servizi al cittadino -con particolare riguardo all’inclusione sociale- integrata nella rete pubblica Rupar in banda larga e con estensione wireless, per consentire la possibilità di accesso, qualificato e sicuro, da isole Wi-Fi appositamente dedicate. Per la prima volta in Italia, l’avvio di tale progetto pone la Pubblica amministrazione locale come “mediatore” dello sviluppo economico di un territorio rendendolo capace di interagire con la diffusione dell’economia digitale, in un contesto di ampie prospettive sociali ed economiche. La realizzazione di questi due progetti, unitamente ad altri, è stata resa possibile dal Progetto Integrato Settoriale Pis n. 14 – “Turismo, cultura e ambiente nel territorio del Sud Salento”, una innovativa forma associativa intercomunale organizzata di 62 Comuni che, messi insieme, contano una popolazione complessiva di oltre 370 mila abitanti. Grazie ad un impegno costante ed un’attività propositiva di concertazione che il Comune di Salve ha attivato sin dal 2003 con le altre Amministrazioni, il 14 marzo 2005 è stata sottoscritta tra tutti i Comuni una Convenzione per la realizzazione del Progetto Integrato con la quale veniva individuato in Salve il Comune capofila del Pis n. 14 e il Soggetto attuatore dei Progetti, designando il sindaco Giovanni Siciliano quale presidente della Conferenza dei sindaci. Il Pis n. 14 ha ottenuto oltre 80 milioni di Euro, rivenienti dalle diverse Misure del Por Puglia 2000-2006, attivando un’importante ricaduta di natura sistemica sul territorio di riferimento. Con il Pis n. 14, le iniziative Capsda e Pidds segnano il punto d’arrivo di un modello territoriale che ha consentito il conseguimento di obiettivi che vanno ben oltre la pur importantissima realizzazione di opere infrastrutturali nei 62 Comuni aggregati e che hanno conseguito risultati innovativi nella configurazione di sistemi “a rete” quali il Sistema bibliotecario del Sud Salento (55 Comuni), il Sistema museale del Sud Salento (20 Comuni), il Sistema archivistico del Sud Salento (56 Comuni). Al loro servizio ed a disposizione della Società civile ed economica, incluse tutte le categorie dei disabili, si pone il Sistema rappresentato dalla configurazione e realizzazione della più vasta piattaforma unitaria di accesso telematico ai servizi digitali presente in Europa e formata da tutti e 62 i Comuni del Pis n. 14. Nella stessa occasione avverrà l’inaugurazione istituzionale dei Centri Capsda (Centri di Accesso Pubblico ai Sistemi Digitali Avanzati) e sarà annunciato l’avvio della realizzazione dei Pidss, i Punti di Incontro Digitale del Sud Salento.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!