Parte la sagra de la volia cazzata

A Martano la diciottesima edizione

Dal 18 al 21 ottobre, a Martano, è sagra de la volia cazzata. La organizza l’associazione Cosimo Moschettini, in collaborazione con l’amministrazione comunale, l’Agricola Nuova Generazione, l’associazione Commercianti e Artigiani di Martano e la Comunità dei produttori della Grecìa Salentina

L’appuntamento che anno dopo anno si è guadagnato la fama di evento clou dell’autunno salentino, offrirà a tutti la possibilità di gustare le tipiche “volie cazzate” (le olive schiacciate), i prodotti della tradizione agroalimentare locale come cereali e legumi, e le ricette della tradizione. Tutto accompagnato da ottimo vino e musica popolare. Come ormai da qualche anno, continua il gemellaggio con la Festa del risotto di Villimpenta (Mantova), che nell’occasione farà degustare i tipici risotti e prodotti della tradizione alimentare mantovana. Dopo il successo nella passata edizione, sarà riproposto il Farmers’ Market, il mercato agricolo fatto direttamente dai produttori locali che potranno vendere i prodotti della terra, senza nessuna intermediazione. Appuntamento, quest’ultimo, che non sarà localizzato soltanto nella Sagra, ma che, vista la sensibilità dimostrata dell’amministrazione comunale di Martano, diventerà probabilmente un appuntamento fisso durante il mercato settimanale della città di Martano ogni martedì. Altra novità di quest’anno, la presenza della Comunità dei produttori della Grecìa Salentina, nata con la volontà di unire assieme i produttori della Grecìa Salentina che si ispira sia ai principi di “Terra madre” nel rispetto delle forme fondamentali di democrazia, che a quelli di qualità agroalimentare riassunti nel triplice concetto di “buono pulito e giusto” dell’associazione Slow Food; ed inoltre valorizzare le produzioni di questa terra. Nel corso della quattro giorni, insieme a Slow Food di Terra d’Otranto ci sarà la possibilità di aderire alla campagna nazionale Liberi da Ogm, votando su una scheda che sarà distribuita all’interno della manifestazione, contribuendo così alla causa sposata da decine di associazioni per garantire la genuinità del patrimonio agroalimentare italiano. Infine, un evento nell’evento, la Festa dell’Olio Novello, un tributo al primo olio della campagna olearia 2007/2008 che potrà essere assaggiato in anteprima durante la Sagra. A disposizione per i turisti dei pacchetti appositamente studiati per l’evento è la possibilità di acquistare i prodotti tipici della tradizione agroalimentare locale con uno sconto speciale a loro riservato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!