Lecce. Attivato il monitoraggio satellitare delle coste

Progetto presentato alla conferenza internazionale di Tallin

Tecnologia innovativa. La Provincia di Lecce ha presentato il suo sistema satellitare di gestione delle coste nella conferenza internazionale che si è svolta nei giorni scorsi a Tallin in Estonia, davanti ai rappresentanti delle Nazioni Unite, della Commissione Europea e dell’Agenzia Spaziale Europea

Si tratta del sistema satellitare SIMON COSTA, già attivo in tre aree pilota della Provincia di Lecce, che ha suscitato grande interesse a livello europeo nell’incontro internazionale intitolato “Efficient management of coastal regions and cities: implementation and use of space application-based services”. Si parla molto di cambiamenti climatici, innalzamento del livello del mare, erosione costiera, ma poco di come prevenire, monitorare o gestire questi fenomeni. La Provincia di Lecce ha perciò avviato l’implementazione del sistema di monitoraggio satellitare delle coste SIMON COSTA, diventando pioniera, a livello mondiale, nell’applicazione di tecnologie all’avanguardia e strumenti sofisticati, come telerilevamento satellitare, gps di alta precisione e sistemi di informazione geografica Gis e Webgis. Il progetto d’eccellenza targato Salento è stato realizzato dalla Spacedat, azienda di Lecce che ha maturato grande esperienza nel processamento di immagini satellitari e sviluppo di sistemi WEBGIS realizzando progetti internazionali insieme alla NASA ed il CNR australiano. Nella maggior parte delle provincie italiane sono ancora utilizzate le tecniche d’osservazione tradizionali principalmente basate sui rilievi puntuali a terra, mentre la Provincia di Lecce ha implementato un sistema innovativo di conoscenza e controllo delle sue coste in grado di supportare i Comuni nella pianificazione e nella definizione degli interventi da attuare, contribuendo alla tutela e conservazione di un patrimonio di alto valore naturalistico, economico e sociale. Il SIMON COSTA restituisce le informazioni generate dal sistema in mappe tematiche di facile comprensione, grazie alla loro diffusione tramite il web. Le mappe dotano i gestori di una visione sinottica e di dettaglio, facilitano la comprensione delle complesse dinamiche costiere ed incrementano la capacità di definizione, coordinazione e controllo degli interventi eseguiti. Il SIMON COSTA fornisce infatti, per ogni tratto costiero, l’indicazione della suscettibilità e del rischio di erosione, della capacita di recupero del sistema costiero, del livello di degrado delle dune, delle diverse priorità di intervento e degli interventi ottimali di mitigazione da eseguire, costituisce quindi un importante master plan per garantire pianificazioni progettuali efficaci. Il Sistema SIMON COSTA è inoltre in grado di individuare gli incendi da satellite su tutto il territorio provinciale e di perimetrare le aree percorse dal fuoco mediante immagini satellitari ad alta risoluzione. L’interesse espresso da numerosi Comuni verso l’implementazione del sistema sul loro territorio evidenzia l’importanza dell’attivazione del sistema di monitoraggio delle coste a livello provinciale per assicurare la realizzazione, da parte dei Comuni, di interventi efficaci per il loro territorio e privi di ripercussioni negative sui territori limitrofi, e per rendere le amministrazioni pronte ad affrontare, nel prossimo futuro, cambiamenti climatici che potrebbero avere un impatto decisivo sulla loro economia e sulla conservazione del loro territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!