Gallipoli. Nei guai l'ex consiglio

Reato contestato, istigazione a delinquere

Tempi duri per Giuseppe Venneri, ex sindaco di Gallipoli, e per un bel po' di suo consiglieri. Raggiunti da un avviso di conclusione delle indagini da parte di Giovanni Gagliotta, sostituto procuratore. Alla base, concessioni a strutture balneari non proprio lecite

Lo avrebbero fatto per tutelare i gestori degli stabilimenti balneari del litorale gallipolino alle prese con la grana dei sequestri da parte della Procura della Repubblica di tutte le strutture mobili e tutte le strutture, anche orizzontali, non rimosse entro il 31 ottobre 2005 (termine imposto da legge regionale). Ma a causa di quel provvedimento (una delibera di consiglio comunale; novembre 2005) che autorizzava i gestori a mantenere almeno le strutture orizzontali, sono finiti nei guai i vecchi amministratori di Palazzo Balsamo. Oltre all’ex sindaco Giuseppe Venneri, altri dodici consiglieri comunali della vecchia legislatura: Marisa Diamante, Corrado Calvi, Teresa Chianella, Francesco Fedele, Antonio Vallebona, Emilio Picciolo, Alessandro Buccarella, Emanuele Piccinno, Giovanni Conte, Luigi D’Amato, Pietro Paolo Piccolo e Luigi Manno. A questi è giunto un avviso di conclusione delle indagini da parte di Giovanni Gagliotta, sostituto procuratore che ha condotto l’inchiesta partita alla fine della stagione turistica del 2005. Reato contestato, istigazione a delinquere. Gli indagati hanno 20 giorni di tempo per presentare le proprie memorie difensive prima che il giudice accolga la richiesta del pm e disponga il rinvio a giudizio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!