Sgm. Poli: “Stop al precariato”

L’intervento della coordinatrice di An in Puglia

“Chiederemo al management le cause del ritardo nei concorsi”. Adriana Poli Bortone richiama la società mista Sgm che gestisce i trasporti pubblici nella città di Lecce

“Bisogna mettere fine al precariato di Sgm”. L’invito è di Adriana Poli Bortone, coordinatrice di Alleanza Nazionale in Puglia, che evidenzia i ritardi nella definizione dei concorsi che riguardano la Sgm (Società di Gestione Multipla), società mista del Comune di Lecce che si occupa di mobilità e trasporti. “E’ in piedi, infatti, un concorso il cui esito non può essere ulteriormente procrastinato. Sgm – spiega Adriana Poli Bortone – è una società che al momento non presenta problemi di Bilancio, quanto piuttosto di organizzazione ed efficienza sul lavoro. Anche nella prospettiva della operatività quasi imminente del filobus, la società deve poter disporre di personale a tempo indeterminato che offra, ad un tempo, certezze ai lavoratori e professionalità. Vi sono autisti precari da diversi anni e non vi è motivo alcuno per non procedere (come chiede Alleanza Nazionale) alla definizione delle fasi concorsuali. In tal senso nei prossimi giorni chiederemo un incontro con il management di Sgm per conoscere le cause del ritardo. L’occasione – conclude – sarà opportuna anche per valutare contestualmente gli interventi finanziari dell’amministrazione comunale per il 2008 alla luce del riconoscimento quasi totale da parte della Regione dei cosiddetti servizi minimi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!