Comune e Camera di commercio. C’è posta per te

I due enti utilizzeranno il sistema LegalMail

I documenti e le informazioni tra Comune di Lecce ed ente camerale viaggeranno per posta elettronica. E’ stata firmata nei giorni scorsi una convenzione sull’e-government

Con una convenzione stipulata nei giorni scorsi, il Comune di Lecce e la Camera di commercio si impegnano reciprocamente ad effettuare tutte le comunicazioni inerenti i procedimenti amministrativi per le attività d’impresa solo ed esclusivamente con documenti informatici sottoscritti con firma digitale ed inviati a mezzo di PEC (Posta Elettronica Certificata). Per effetto del Codice dell’Amministrazione Digitale (D. Lgs. n. 82/2005), infatti, le pubbliche amministrazioni utilizzano la posta elettronica certificata per la trasmissione reciproca di documenti (valida ai fini del procedimento amministrativo) e per ogni scambio di documenti ed informazioni con i soggetti interessati che ne fanno richiesta e che hanno preventivamente dichiarato il proprio indirizzo di PEC. La trasmissione del documento informatico per via telematica, effettuata mediante PEC, equivale alla notificazione per mezzo della posta. Il servizio sarà reso possibile da LegalMail, il sistema di posta elettronica certificata dell’ente camerale già positivamente sperimentato nei rapporti con altre amministrazioni pubbliche. La convenzione rientra nel progetto di e-government “La comunicazione telematica tra Camera di Commercio ed enti locali della provincia di Lecce”, cui ha aderito l’amministrazione comunale con il coinvolgimento del settore Sistemi Informativi (per gli aspetti di natura tecnologica) ed il settore Attività Produttive (in quanto settore maggiormente coinvolto nelle comunicazioni con la Camera di Commercio, fino ad oggi effettutate in forma esclusivamente cartacea). “Siamo molto soddisfatti per la stipula di questo accordo con l’ente camerale – sottolinea Attilio Monosi, assessore allo Sviluppo Economico, Attività Produttive, Innovazione, Marketing Territoriale e Patrimonio del Comune di Lecce -; quello dell’e-government e dei servizi d’avanguardia è un percorso irrinunciabile che ci vede profondamente impegnati. E’ una questione di qualità e di velocizzazione dei servizi, che ovviamente migliorerà i rapporti con gli altri enti e con il cittadino”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!