Buccoliero interviene sul tema uranio impoverito

Vertice in prefettura

Antonio Buccoliero, consigliere regionale dell’Udeur, prende parte al vertice sull’uranio impoverito svoltosi in prefettura, sostenendo le richieste avanzate dai militari contagiati e dai loro familiari

“L’audizione di alcuni militari salentini, che pagano un altissimo prezzo per l’esposizione ad uranio impoverito, restituisce dignità a persone che non possono essere considerate cittadini di serie B.” È quanto dichiara il consigliere regionale dell’Udeur e Vicepresidente della VII Commissione, Affari Istituzionali, Antonio Buccoliero, in occasione della visita, a Lecce, della Commissione d’inchiesta bicamerale per valutare i casi di contagio da uranio impoverito dei militari italiani in missione in Kossovo. Nel pomeriggio di ieri, in Prefettura, la Commissione ha incontrato, tra gli altri, i genitori del capitano salentino Carlo Calcagni, unico riconosciuto vittima delle polveri dei metalli pesanti respirati in Bosnia nel ’96, che oggi si batte affinché venga fatta giustizia per tanti giovani e per le loro famiglie. Ad accompagnare la famiglia Calcagni, partecipando al vertice, il consigliere Antonio Buccoliero. “Ho inteso partecipare all’incontro – ha dichiarato Buccoliero – come cittadino salentino, come militare, come rappresentante politico e come amico di alcuni militari coinvolti nella vicenda, tra i quali il cap. Carlo Calcagni. Esprimo, innanzitutto, un sentito ringraziamento alla Commissione Difesa del Senato per il lavoro che sta compiendo sul territorio nazionale al fine di dare soluzione ad una forte domanda di attenzione avanzata da numerosi militari che, impiegati in missioni “fuori area”, hanno contratto gravi patologie tumorali per effetto dell’esposizione alle polveri prodotte dall’utilizzo di uranio impoverito nel munizionamento impiegato. Essi abbisognano di una forte tutela, quella dello Stato che sa riconoscere ai propri figli il coraggio e la dedizione mostrata fuori dai confini italiani e la ripaga con la giusta considerazione, facendosi carico dei problemi sanitari insorti a causa di tale impiego. La dignità delle richieste avanzate – conclude il consigliere Buccoliero – (rispetto delle norme già in vigore che garantiscono un canale autonomo dell’accertamento e liquidazione di queste patologie rispetto a quelle ordinarie, l’adeguamento delle norme relative all’equo indennizzo da parificare a quelle delle Forze di Polizia) meritano sicuramente una maggiore attenzione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!