Sequestro di motocicli a Nardò

Ragazzi senza casco

Dopo i venti fermi amministrativi eseguiti la scorsa settimana per il mancato uso del casco, altri diciotto motocicli sono stati sequestrati venerdì scorso a Nardò

Prosegue l’attività di controllo del territorio da parte degli agenti della Polizia locale, diretti dal maggiore Cosimo Tarantino, in collaborazione con il locale Commissariato, diretto dal dottore Rocco Carrozzo, e la Stazione dei Carabinieri guidata dal luogotente Romeo Mirarco. “Come annunciato in occasione del primo intervneto congiunto tra le forze dell’ordine per il controllo del territorio – ha dichiarato il maggiore Cosimo Tarantino – l’attività è proseguita e non si fermerà. La sicurezza dei ragazzi deve essere tutelata a tutti i costi, anche con intervneti non particolarmente graditi ai cittadini ai quali vengono sequestati i motocicli. Tuttavia, dal momento che i controlli saranno effettuati in modo continuo, sono sicuro che presto raggiungeremo l’obiettivo di far indossare a tutti il casco”. “Questo – ha concluso Tarantino – ci consentirà non solo di salvaguardare vite umane e non dover recriminare poi di non aver fatto il possibile, ma anche di ragiungere il pieno rispetto che si deve ad una legge. Sicuramente, infine, non è buon biglietto da visita per i turisti vedere ragazzi che scorrazzano senza il casco e tale malcostume deve cessare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!