Differenziata? Vorrei ma non posso

Il servizio è partito. Ma non scorre liscio

Disservizi nella raccolta differenziata a Casarano. I cittadini vorrebbero attuarla, ma non ricevono a domicilio, come previsto, i bidoncini necessari. Ai numeri di telefono della ditta incaricata, la Geotec, non risponde nessuno

“Recuperare i bidoncini della differenziata? Impossibile”. Non tutti i cittadini di Casarano hanno ricevuto i contenitori che la Geotec, la ditta appaltatrice del servizio di spazzatura, sta distribuendo in questo periodo in alcune zone della città. Quando gli operatori alla distribuzione non trovano nessuno in casa, lasciano nella cassetta della posta un avviso che recita così: “Non è stato possibile consegnare i bidoncini della raccolta differenziata in quanto al momento della consegna eravate assenti. Per la consegna a domicilio contattare i seguenti numeri telefonici: numero verde 800132821 – cell. 333/8725640, dalle ore 09:00 alle 16:00”. Ma alcuni utenti segnalano disservizi. “Sto cercando di mettermi in contatto con la Geotec da lunedì della scorsa settimana – racconta Pino Montedoro che abita in via Pavia – al numero verde, dopo un' attesa di qualche minuto, ti dicono di riprovare più tardi. al cellulare c'è sempre inserita una segreteria telefonica; ho provato il martedì successivo, in diversi orari con lo stesso risultato; idem mercoledì. Giovedì ho provato al numero indicato sull’elenco telefonico, lo 0833591661, ma questo numero risulta addirittura inattivo”. L’utente alla fine chiede: “Per avere questi benedetti bidoncini che cosa dobbiamo fare? Dobbiamo andare a ritirarli presso la Geotec personalmente? Perchè mettono a disposizione recapiti telefonici inattivi o non funzionati?”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!