Ostillio rimprovera i disservizi del volo Tuifly

L’intervento dell’assessore

“Episodi di questo tipo non dovrebbero verificarsi”. Con queste parole Massimo Ostillio, assessore regionale al Turismo, ha commentato i disservizi sul volo di giovedì per Basilea

A margine dei lavori in aeroporto dell’eductour con i giornalisti e i tour operator di Francia, Svizzera e Germania, arrivati in Puglia con il volo inaugurale Basilea-Bari, l’assessore regionale al Turismo, Massimo Ostillio, ha stigmatizzato il disservizio della compagnia aerea Tuifly, in virtù del quale diversi passeggeri che avevano prenotato il volo della mattina di giovedì per Basilea (anch’esso inaugurale) sono rimasti a terra, dando vita in aeroporto a una vivace protesta. “Capisco che il problema è nato a seguito dello sciopero nazionale di quattro ore indetto dall’Enav la società che si occupa del controllo del traffico aereo, però – commenta l’assessore Ostillio – c’è stato un deficit di informazione e, soprattutto, di comunicazione a favore dei passeggeri, che non trova giustificazione. E ciò – continua – vale tanto per i viaggiatori-turisti, quanto per i normali fruitori dei collegamenti aerei da e per la Puglia”. Per Ostillio, i motivi che hanno alimentato l’agitazione dei passeggeri proprio in concomitanza con la presentazione alla stampa dell’Educational tour promosso dall’assessorato al Turismo, non devono essere sottovalutati, se si vogliono rendere efficaci gli sforzi fatti dalla Regione per garantire alla Puglia turistica la massima copertura nei collegamenti, nazionali e internazionali. “Se è vero che il problema dei disservizi nel trasporto aereo è più generale e, ovviamente, non attiene alle responsabilità diretta dell’assessorato regionale al Turismo, ciò non di meno – conclude Ostillio – come cittadino e come amministratore sento di dover stigmatizzare quanto avvenuto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!