Otranto, centro accoglienza. Rifiuti

Discarica abusiva a cielo aperto

Quello che una volta era un centro di accoglienza si era trasformato in una discarica a cielo aperto non autorizzata. E' accaduto ad Otranto, presso la struttura “Don Tonino Bello”

A chi lo veda per la prima volta può sembrare una discarica. E’ l’ex centro di accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto. Dove, in una zona di circa 15 metri quadrati, la ditta che si occupa della raccolta dei rifiuti sul territorio comunale aveva pensato bene di scaricare i contenitori della differenziata. Le forze dell’Ordine vi hanno rinvenuto cumuli di rifiuti speciali, tra plastica a carta. Rende ancora più grave la situazione il fatto che la neo-discarica abusiva sorge nelle immediate vicinanza della Asl locale che, a quanto pare, non si è mai accorta di a. I carabinieri sono stati messi in allerta da alcuni residenti che hanno effettuato un sopralluogo nella zona, riuscendo a varcare il cancello sempre aperto della struttura. E’ stata aperta un’inchiesta e sono attualmente in corso le indagini che accerteranno i nomi dei responsabili. Il primo ad essere stato denunciato è l'amministratore unico della ditta ma i controlli delle forze dell’Ordine proseguono e molto probabilmente il registro degli indagati si arricchirà di nuovi nomi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!