Provincia e Udu “Only 4 you”

Più servizi per gli studenti

Pratiche universitarie più semplici da sbrigare. Sono attivi da oggi presso i Centri per l’impiego dei Comuni più importanti della provincia di Lecce Sportelli che aiutano gli studenti a destreggiarsi tra le “carte”

Il disbrigo delle pratiche burocratiche universitarie non sarà più un problema per chi sceglie di studiare a Lecce. Parte oggi infatti “Only 4 you”, il progetto che segna un punto importante a favore del potenziamento di servizi per l’adempimento delle pratiche universitarie, dall’iscrizione alla modifica del piano di studi. Protagonista del servizio, che sarà operativo sino al 6 novembre (ogni martedì dalle 10 alle 12 e giovedì dalle 17 alle 19), insieme alla Provincia di Lecce, l’Udu, come spiega Giovanna Capobianco, assessora provinciale ai Rapporti con l’Università. “Il progetto ‘Only 4 you’ – dice – siglato dalla Provincia di Lecce insieme all’Udu offrirà strumenti importanti per la popolazione universitaria diffusa sul territorio provinciale. L’ampiezza del nostro territorio rappresenta un ostacolo ed una difficoltà per i tantissimi giovani che frequentano l’Università del Salento, e che spesso si misurano con i disagi della distanza e dei tempi di percorrenza. Prende il via – continua Capobianco – una rete di sportelli per l’orientamento e il tutoraggio nei presidi territoriali allestiti presso i Centri territoriali per l’impiego dei Comuni di Maglie, Nardò, Galatina e Tricase; si anano le distanze, favorendo il confronto e la rete tra i giovani sfruttando l’esperienza e la competenza dell’associazione studentesca dell’Udu che assicurerà l’offerta del servizio nei diversi centri. I referenti dello sportello sono giovani universitari, formati dal Caaf provinciale della Cgil, in grado di rilasciare le certificazioni necessarie per l’iscrizione presso qualsiasi università”. Per qualsiasi ulteriore informazione sul progetto è possibile rivolgersi presso i Centri per l’Impiego della Provincia di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!