Camping all inclusive. Abusivo

Operazione della Guardia di finanza di Porto Cesareo

Il prossimo passo è un accertamento sui redditi non dichiarati. Saranno presto sgomberati i campeggiatori di una struttura a due passi da Punta Prosciutto, vicino a Torre Lapillo. Esclusiva ed economica. Peccato, anche non autorizzata

Camping in zona esclusiva, servizi inclusi, come acqua fornita con una cisterna e luce per i camperisti, a due passi dal mare di Punta Prosciutto, non lontano da Torre Lapillo, marina di Porto Cesareo. Il tutto per 10 euro al giorno. Il 60enne titolare della struttura faceva affari d’oro. In quell’immensa area (circa 4.500 metri quadrati) ospitava turisti da mezzo mondo. Circa 250 sono i camper che qui sostano al momento e che saranno presto sgomberati, si attende a breve l’ordinanza del sindaco cesarino Vito Foscarini, per una cifra non indifferente, che il titolare intascava con ogni probabilità in nero. Un accertamento sui redditi non dichiarati sarà il prossimo passo della brigata della Guardia di finanza di Porto Cesareo, che per ora ha sequestrato l’area, denunciando l’uomo che avrebbe esercitato senza autorizzazione. Sul posto, oltre ai militari delle “fiamme gialle” sono intervenuti anche gli ispettori sanitari dall’ospedale di Copertino: sembra infatti che anche le condizioni igieniche fossero piuttosto precarie. Quella compiuta dalla brigata della finanza di Porto Cesareo è solo l’ultima operazione in ordine di tempo da parte delle forze dell’ordine, nell’ambito della tutela del territorio. Nei giorni scorsi, sempre la finanza, aveva sequestrato 80 sdraio e 40 ombrelloni di un lido nei pressi di Salve, gestito da un imprenditore casaranese, che aveva invaso il suolo pubblico con le sue attrezzature, ben oltre la concessione stabilita. Un altro camping abusivo è stato sequestrato a Gallipoli la scorsa settimana dagli agenti di polizia del commissariato. E, ancora la finanza a Porto Miggiano ha individuato un titolare di lido che si era “allargato” rispetto alla concessione, sequestrando 20 ombrelloni e 40 lettini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!