Venuti: “I Comuni stiano al passo”

La risposta alle accuse rivolte da parte degli altri Comuni del Pit9

“Non abbiamo mai tenuto una condotta verticistica nella gestione del nostro ruolo. Forse sono gli altri Comuni che dovrebbero adeguarsi al nostro dinamismo ed informarsi di più per stare al passo con noi e con i tempi”. Così Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Comune capofila del Pit9

di Remigio Venuti* La gestione del Pit è rigorosamente uniformata ai principi normativi che regolano il rapporto dei Comuni quando questi sono uniti attraverso una convenzione. In questo caso, il Pit9 non è altro che un’aggregazione di Comuni che si fondano su una convenzione, approvata da tutti i consigli comunali, con la quale si delegano tutte le funzioni amministrative ad un capofila, ovvero il Comune di Casarano. Non c’è a di strano o di non corretto in tutto ciò: questo è il modello del Pit che è stato creato dalla Regione Puglia ai tempi del presidente Fitto. E’ evidente che il Comune capofila, in virtù della convenzione che ha firmato, ha il dovere di mettere in campo tutte le misure necessarie per realizzare il programma che tutti i Comuni si sono dati. Da qui nasce la polemica di gestione verticistica del nostro ruolo, che ci viene rivolta da parte degli altri Comuni, che, mi spiace dirlo, non hanno capito per tempo che lo strumento di cui disponiamo, il Pit, è importantissimo per poter procedere in maniera snella e veloce. Rispetto alle accuse che ci vengono rivolte non abbiamo alcuna responsabilità. Anzi, avremmo dovuto lavorare ancora di più per accelerare ulteriormente il nostro lavoro. Ma gli altri Comuni devono essere in grado di starci dietro. E ciò non sempre avviene. Infatti, se abbiamo bisogno di attivare progetti per cui abbiamo bisogno di risorse umane, le cerchiamo tramite avvisi pubblici; ma se gli altri Comuni non si informano, non stanno al passo, e rimangono invece accomodati su se stessi, la colpa non è del Comune di Casarano, ma loro, semmai, che dovrebbero sfruttare maggiormente strumenti quali il portale del Pit9, l’Albo Pretorio, le pubblicazioni, la stampa, per accedere alle informazioni. Inoltre, relativamente all’accusa, che pure ci viene rivolta, di una gestione poco trasparente delle assunzioni e del personale, non ho problemi a fare un invito: si guardino le competenze professionali che ruotano attorno al Pit9; ci si renderà subito conto che provengono da tutta la provincia e non solo da Casarano; segno che abbiamo sempre operato in maniera corretta e trasparente. *sindaco di Casarano, Comune capofila del Pit9

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!