Si schianta in moto. Prognosi riservata

Sfortunata corsa per un turista milanese

L’alta velocità è stata, ancora una volta, la causa di un incidente che si è consumato sulla strada che da Leverano conduce a Porto Cesareo. Una moto è finita su un’auto. Il centauro è ricoverato presso l’ospedale di Copertino

La corsa in moto lungo le strade del Salento, dove si trova in vacanza, gli è costata cara. Lo scenario è sempre lo stesso, la provinciale che conduce da Leverano a Porto Cesareo. Chi la pratica ogni giorno ne conosce la pericolosità data dalle curve, dall’assenza in molti punti di guard-rail, dalla strettezza stessa, che la rende ormai incapace di reggere la mole di traffico che l’attraversa ogni giorno. L’alta velocità è stata la principale causa di un incidente avvenuto intorno alle 20 di domenica, all’altezza di contrada Pittuini (frazione di Nardò). Un 33enne di origini milanesi, Carmelo Maiorano, che viaggiava a bordo di una moto Cagiva 650, ha tamponato una Fiat Punto condotta guidata da un 26enne che si accingeva a rientrare a Leverano. Secondo i carabinieri di Porto Cesareo, che hanno rilevato il sinistro, sarebbe stata proprio la condotta imprudente del centauro il motivo del violento urto. La moto ha proseguito la sua folle corsa sull’asfalto per circa 80 metri, prima di fermarsi. Il giovane milanese è stato soccorso e condotto presso l’ospedale di Copertino, dove si trova in prognosi riservata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!