Muore sulla Lecce-Maglie

Perde la vita un noto ristoratore di Maglie

Si sposta sulla corsia di sorpasso per evitare un ingombro sulla sua carreggiata. Ma una Bmw lanciata a forte velocità non lo vede in tempo e non riesce ad evitarlo

Questa volta la prudenza non è servita. E la strada si è portata via un’altra vita. Quella di Francesco Biasco, 41 anni, noto ristoratore di Maglie, deceduto sulla Lecce-Maglie. L’uomo è rimasto schiacciato, secondo le prime ricostruzioni della polizia stradale di Maglie, fra il guard-raill e l'auto. Nel primo pomeriggio era al volante di una Smart in direzione Sud quando ha scorto, cento metri dopo lo svincolo per Sternatia, un ingombro sulla carreggiata. Un carro-attrezzi infatti aveva appena caricato un'auto incappata in un incidente. L'autista della Smart, che procedeva lentamente, ha avuto il tempo per evitare l'ingombro spostandosi sulla corsia si sorpasso. Manovra che non è stata possibile al conducente di una Bmw 320 che probabilmente viaggiava a forte velocità. Questi ha visto troppo tardi il carro-attrezzi e quando si è spostato sulla corsia di sorpasso non è riuscito a evitare la Smart. L'ha scaraventata sul guard-rail. Biasco è stato sbalzato dal veicolo ed è rimasto schiacciato. Sul posto tre ambulanze, vigili del fuoco e la stradale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!