AQP al Comune di Calimera

Apre il nuovo Sportello on line comunale

È ormai attivo lo Sportello on line di AQP presso la sede municipale di Calimera. I cittadini possono usufruire di tutti i servizi relativi al Servizio Idrico Integrato

È stato inaugurato il 5 luglio il nuovo Sportello on line AQP di Calimera, nato da un’intesa tra Acquedotto Pugliese e la locale amministrazione. Per segnalazioni di guasti, copia delle fatture, estratti conto ed in particolare, per tutti i nuovi allacci e le trasformazioni d’uso che richiedono un intervento all’impianto, il cittadino può scegliere di rateizzare il pagamento del contributo per l’accesso al servizio, con le seguenti modalità: 1. versamento del 40% del costo complessivo del contributo per accesso al servizio al momento dell’accettazione; 2. addebito della restante somma in quattro rate, direttamente sulle fatture trimestrali relativi ai consumi, di cui la prima a 180 giorni dalla data di ultimazione dei lavori di allacciamento. Nell’ambito dell’iniziativa, l’amministrazione comunale di Calimera ha messo a disposizione i locali ed il personale dedicato mentre l’Acquedotto Pugliese ha fornito gratuitamente le apparecchiature, il software, l’assistenza tecnica e la idonea formazione ed assistenza al personale del Comune. Questa innovativa modalità di contatto con l’utenza contribuisce a migliorare significativamente la qualità dei servizi offerti da AQP. La semplificazione delle norme e degli adempimenti, la standardizzazione dei modelli contrattuali, resi possibili dall’introduzione di nuove procedure e dall’utilizzo di nuovi canali di comunicazione, rappresentano l’impegno di Acquedotto Pugliese per uno sviluppo virtuoso del dialogo con l’utenza. Lo Sportello, collocato presso la sede URP (ufficio relazioni pubblico) in via del Sole, sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 09.30 alle ore 12.30 ed il lunedì dalle ore 16.00 alle ore 18.30.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!