“Senatore Ria. Giustizia è fatta”

Il commento di Nestola

“L’ingresso di Lorenzo Ria in Senato è un atto di risarcimento democratico in favore dei cittadini salentini e pugliesi”. Parola di Gigi Nestola, coordinatore provinciale della Margherita

di Gigi Nestola* Finalmente il voto del Senato ha reso un atto di giustizia, assicurando in quel ramo del Parlamento la giusta rappresentanza delle genti salentine e pugliesi. Questo voto, inoltre, porta nel Senato della Repubblica una qualificata personalità politica che, nei vari livelli in cui ha sinora operato, ha reso importanti servizi alle istituzioni e alle comunità locali. E’ vero che il senatore Ria entra in Senato dopo un anno dall’inizio della legislatura e dopo che già per due volte erano state respinte le dimissioni del senatore e sottosegretario Vernetti. L’ampiezza del voto di ieri del Senato, però, dice con chiarezza che una parte importante dell’opposizione ha votato per consentire questo risultato. C’è da ritenere che la rappresentanza in Senato salentina e pugliese abbia dato il proprio forte contributo, senza distinzione di schieramento, per assicurare questo esito. Ringrazio tutti, perciò ed esprimo l’impegno a tenere in considerazione in futuro l’insegnamento di garbo istituzionale e di corretto rapporto anche con lo schieramento avversario che questo voto ha rappresentato. Ringrazio, a nome di tutti i salentini e, in particolare, di quelli che guardano con attenzione e interesse al Partito Democratico, quanti hanno reso possibile questo risultato, a partire dal presidente del Senato Franco Marini. La presenza in Parlamento del senatore Ria ci carica di maggiori impegni e responsabilità che, sicuramente il neo senatore ha mezzi adeguati per affrontare. *coordinatore provinciale La Margherita

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!