RISO per il Grande Salento

Una rete ionico-salentina per l’occupazione

Partono oggi gli incontri itineranti nei Comuni del Grande Salento con i quali la Provincia di Lecce presenterà ufficialmente www.riso.puglia.it, il portale di servizi interattivi RISO

Partono oggi gli incontri itineranti nei comuni del Grande Salento che hanno aderito al progetto di e–government R.I.S.O. (Rete ionico – salentina per l’occupazione), per la presentazione agli amministratori, ai capi-settore e ai funzionari locali del nuovo portale di servizi per il cittadino e le imprese www.riso.puglia.it Prima tappa San Donato di Lecce, dove a partire dalle ore 10.30, presso il Municipio in via Brodoloni 1, si terrà un incontro al quale parteciperanno per la Provincia di Lecce Giovanna Capobianco, assessora all’Urp, Luigi Amantonico, dirigente dell’Informazione e Comunicazione, e Luigi Tundo, dirigente dei Servizi Informatici e capoprogetto R.I.S.O. I prossimi incontri si terranno a Corigliano d’Otranto il 9 luglio alle ore 10, nel Museo multimediale del Castello comunale; a Martano il 13 luglio alle ore 9; a San Vito dei Normanni il 26 luglio alle ore 10. Ma il calendario è in via di definizione e sarà integrato nei prossimi giorni con nuovi appuntamenti nei Comuni delle tre province del Grande Salento (Lecce, Brindisi e Taranto). L’obiettivo degli incontri decentrati nei Comuni è far conoscere più da vicino tutte le potenzialità offerte dal portale e spingere gli amministratori locali e gli addetti ai lavori ad attivare i servizi di competenza comunale. Il portale è il risultato finale di un progetto che punta a sostenere lo sviluppo locale e l’occupazione nell’area delle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto, attraverso l’erogazione di servizi pubblici con le nuove tecnologie Ict (Information and Communication Tecnology), abbattendo così i tempi della burocrazia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!