Porto Cesareo. Un monumento al pescatore

Il nuovo futuro simbolo della città

E’ stata intitolata ieri con cerimonia ufficiale la statua del pescatore che si trova sul piazzale “Scalo d’alaggio” a Porto Cesareo. Il pensiero, spiegano gli amministratori, è a coloro che hanno perso la vita in mare per il proprio lavoro

Si è svolta ieri presso il piazzale di “Scalo d’alaggio” a Porto Cesareo la manifestazione d’intitolazione della statua del pescatore. Alla cerimonia hanno preso parte autorità comunali (il sindaco Vito Foscarini e l’assessore alla Pesca Giuseppe Fanizza) della Provincia di Lecce (assessore alle risorse agricole Cosimo Durante) e regionali. Dopo la manifestazione d’intitolazione ufficiale la serata è proseguita con uno spettacolo di musica popolare e folcloristica con danze e canti. Nella grande piazza erano inoltre presenti diversi stand gastronomici per la degustazione di prodotti tipici della cucina cesarina e buon vino del Nord-Salento. “E’ con grande soddisfazione – ha dichiarato Fanizza – che possiamo intitolare il monumento bronzeo che da tempo è piazzato al centro del grande piazzale di Scalo D’alaggio. Nelle intenzioni dell’amministrazione Foscarini la statua realizzata nel 1997 sarà un pensiero dedicato a chi ha perso la vita in mare per amore del proprio lavoro. Un monumento quindi – ha concluso – che mi auguro divenga uno dei simboli futuri della storia, della cultura e dell’economia della nostra comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!