Donne disoccupate. Cabina di regia

Enti insieme per dare più opportunità alle donne

Il tema sono i progetti rivolti alle donne disoccupate e particolarmente svantaggiate. Oggi in via Salomi a Lecce si terrà l’incontro, presieduto da Serenella Molendini, consigliera provinciale di Parità, che raccorderà le azioni e creerà una cabina di regia tra istituzioni

Sarà Serenella Molendini, consigliera di Parità della Provincia di Lecce, a presiedere l’incontro che si terrà stamattina in via Salomi a Lecce, al fine di raccordare le azioni e promuovere la creazione di una cabina di regia comune, tra le istituzioni e gli enti di formazione professionale vincitori di progetti di formazione della Regione Puglia rivolti alle donne disoccupate e particolarmente svantaggiate (misura 3.14 az. D). “Gli elevatissimi tassi di disoccupazione femminile – ha spiegato Molendini – che, nonostante i finanziamenti erogati dal Fondo Sociale Europeo negli anni 2000-2006, si sono aggravati a causa della crisi del Tac, ha reso necessario un momento di informazione, riflessione e approfondimento su un argomento che riveste un’importanza strategica per la coesione sociale e lo sviluppo economico del nostro territorio”. All’incontro sono stati invitati Loredana Capone, vice presidente della Provincia di Lecce, Gianna Capobianco, assessora provinciale alla Programmazione economica, Luigi Calò, assessore provinciale alle Politiche del Lavoro, Mario Pendinelli, assessore provinciale alla Formazione Professionale, Loretta Garuti, dirigente della Formazione Professionale della Regione Puglia, Adriana Margotta, responsabile dei Centri per l’Impiego della Provincia di Lecce, Luigi Amantonico, dirigente dell’Ufficio della Consigliera, Michela Di Ciommo, presidente della Commissione provinciale Pari Opportunità, Tonia Capone, presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità e i componenti dell’Osservatorio per il mercato del lavoro femminile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!