Uccise il marito? Lo dirà il Riesame

Per gli avvocati difensori non ci sono prove sul nesso casuale della morte né sulla sussistenza del fatto

Oggi o domani il responso dei giudici del Tribunale del Riesame. Si stabilirà se Lucia Bartolomeo, infermiera di Taurisano, sia responsabile della morte della marito, Ettore Attanasio, fabbro, anche lui di Taurisano

Si saprà oggi o al massimo domani da parte dei giudici del Tribunale del Riesame se l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari Ercole D’Aprile contenesse indizi e prove tali da ritenere che Ettore Attanasio, fabbro di Taurisano, sia stato ucciso dalla moglie, Lucia Bartolomeo, infermiera anche lei di Taurisano. I fatti risalgono al 2006. E dal 29 maggio scorso la donna si trova nel carcere di Borgo San Nicola con l’accusa di omicidio volontario aggravato da motivi abbietti e futili “consistiti nel desiderio di liberarsi della sua presenza”. L’udienza nella tarda mattinata di ieri con il pm Guglielmo Castaldi ha esposto una uova tesi: ad Attanasio sarebbe stata iniettata eroina non solo la sera prima della morte ma anche per tutta la settimana prima. Gli avvocati difensori (Silvio Caroli e Vincenzo Del Prete) sostengono che non ci sarebbero prove sul nesso casuale della morte e neanche sulla sussistenza del fatto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!