Gallipoli. Scioperano i commercianti

La protesta del centro storico

Esercizi commerciali chiusi, nella città bella, fino a che non si troverà soluzione al problema della mancata adozione del regolamento del piano paesaggistico. Al centro della protesta le problematiche legate all’occupazione di suolo pubblico

Parte oggi lo sciopero delle attività commerciali del centro storico di Gallipoli. Indetta dall’associazione “Isola di Gallipoli” che riunisce commercianti ed artigiani, la protesta andrà avanti, spiegano questi, “fino a che la situazione di disagio non avrà fine”. I commercianti si riferiscono alle problematiche concernenti l’occupazione del ruolo pubblico da parte dei pubblici esercizi. “La categoria – dicono gli organizzatori – si trova oggi a pagare le conseguenze della mancata adozione da parte degli organi competenti del previsto regolamento del piano paesaggistico. Non possiamo negare lo sconforto – continuano – nel constatare l’abbandono e la noncuranza da parte delle autorità competenti nei confronti di una categoria che dovrebbe essere supportata, soprattutto nel periodo estivo quando si cerca di creare lavoro per poter riscattare l’incresciosa situazione invernale ed offrire dei servizi essenziali ai numerosi ospiti in visita”. L’appello dell’Isola di Gallipoli è al commissario prefettizio appena insediatosi in Comune, affinché si impegni perché trovi rapida e definitiva risoluzione ad un problema che si ripete ogni anno all’arrivo della stagione estiva.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!