Perrone: “Sciopero irresponsabile”

Il commento del neo-sindaco di Lecce sullo sciopero dei lavoratori dell’igiene urbana

Dopo l’incontro tra le parti che si è tenuto due giorni fa, le aziende hanno bloccato i trasferimenti. I lavoratori dell’igiene urbana, però, hanno confermato ugualmente lo sciopero

“E’ una decisione che quanto meno suscita qualche perplessità”. Così Paolo Perrone, neo-sindaco di Lecce, commenta la decisione di alcune delle sigle sindacali che rappresentano i lavoratori dell’igiene urbana in città, che hanno deciso di confermare lo sciopero dal servizio per la giornata di ieri nonostante gli esiti dell’incontro che si è tenuto due giorni fa tra le parti (rappresentanti delle amministrazioni comunali di Lecce e Melendugno, rappresentanti delle aziende Aspica ed Ecotecnica, tecnici dell’Ato Le1), cioè la conferma della volontà di procedere alla verifica complessiva dei servizi e la decisione delle aziende di non procedere allo spostamento del personale. “Si tratta di una scelta irresponsabile – sottolinea – dal momento che si è deciso di scioperare nonostante l’anamento da parte delle aziende della procedura di trasferimento dei lavoratori. Mi pare che fosse proprio questo il motivo dell’astensione dal servizio. Ci sfuggono i motivi reali di una decisione di questo tipo, peraltro non condivisa da tutti i sindacati. Si è trattato di uno sforzo importante da parte dell’amministrazione comunale e delle imprese – conclude – a seguito del quale mi aspettavo un comportamento più responsabile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!