Maglie. Undici sforamenti di pm10

Allarme ambiente. Ma non è il traffico

L’Arpa ha comunicato i suoi dati sulla rilevazioni effettuate dallo scorso dicembre in città. Undici sforamenti in 74 giorni di monitoraggio

Undici sforamenti in 74 giorni registrati. E’ questo il dato presentato dall’Arpa, l’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente, a conclusione della campagna di monitoraggio della qualità dell’aria realizzata nel Comune di Maglie dal 21 dicembre scorso al 4 marzo 2007. La centralina collocata su un laboratorio mobile direttamente in piazza Aldo Moro ha lavorato per 74 giorni ed ha registrato 11 superamenti dei limoniti consentiti di pm10. Ma nella relazione dei tecnici tutto questo no è da attribuire esclusivamente al traffico , visto che durante il week end non si verificano cali significativi dei valori. E’ probabile, conclude la relazione, che vi siano altre sorgenti provenienti da Sud o da Nord e qui, anche se non si fa un riferimento esplicito si pensa ai fumi della centrale elettrica di Cerano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!