Strade più sicure in provincia

A breve gli interventi sulla Lecce-Porto Cesareo e sulla circonvallazione di Casarano

La Provincia ha stanziato più di 21 milioni di euro per mettere a norma di sicurezza due arterie del territorio salentino. I provvedimenti sono stati adottati ieri in seduta di giunta provinciale

Al via il progetto definitivo dei lavori di completamento della circonvallazione di Casarano e dell’adeguamento del collegamento della S.P. Lecce-Porto Cesareo attraverso la realizzazione di un tronco di raccordo tra la S.P. n. 20 Copetino alla S.S. n. 101 e la S.P. n. 114 Copertino – S. Isidoro. Sono i due provvedimenti adottati ieri dalla giunta provinciale presieduta da Giovanni Pellegrino. Il primo intervento riguarda l’approvazione del progetto definitivo della circonvallazione di Casarano redatto dalla società Coalpa di Tortona. Nello specifico il provvedimento adottato dalla giunta riguarda la realizzazione del primo e del secondo lotto della circonvallazione, per un importo complessivo di 14 milioni e 500mila euro. Le risorse saranno finanziate con somme rivenienti da fondi Cipe, con emissione di B.O.P. e con fondi stanziati dalla Provincia sul bilancio 2007. Il secondo provvedimento adottato dalla giunta riguarda il progetto definitivo generale dei lavori di costruzione del raccordo tra la S.P. n. 20 Copertino alla S.S. n. 101 e la S.P. n.11 Copertino-S. Isidoro, parte integrante del nuovo itinerario della S.P. Lecce-Porto Cesareo. L’opera in questione, che è prevista in due lotti con l’impegno finanziario di 7 milioni di euro, riguarda la realizzazione di una nuova strada di circa 7 km, che andrà a migliorare gli standard di sicurezza del nuovo tracciato della S.P. Lecce – Porto Cesareo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!