Codacons: “Biciclettata riuscita”

Il ritorno dell’Uomo Ragno

Esprime grande soddisfazione Luisa Carpentieri, responsabile della sede del Codacons di Lecce, per la grande partecipazione popolare alla biciclettata organizzata per proporre agli amministratori leccesi una mobilità diversa da quella dei filobus. “Il Comune – dice – non può non ascoltarci”

Una grande partecipazione di popolo. Luisa Carpentieri, responsabile della sede del Codacons di Lecce, esprime tutta la sua soddisfazione per la buona riuscita della biciclettata organizzata domenica lungo i viali del capoluogo salentino. “Anche se la manifestazione è stata preparata in pochissimo tempo – dichiara -, con una scarsissima campagna pubblicitaria e con pochissimi mezzi economici, la numerosa e spontanea partecipazione dei cittadini per chiedere un trasporto pubblico efficiente, la realizzazione di piste ciclabili in città e per protestare contro un filobus che così com’è non servirà a un bel niente fa ben sperare per il futuro”. Il Codacons infatti chiese ai politici di verificare la bontà del progetto filobus così come si stava realizzando ed ottenne solo quella che definisce “una ingiustificabile ed inattesa chiusura da parte di una amministrazione comunale sorda anche a se stessa”. “Adesso la gente di Lecce – continua Carpentieri – aderendo ad una semplice biciclettata ha lanciato un messaggio chiaro, forte ed inequivocabile. La città ponga come primaria la visione di un trasporto pubblico alternativo e si attivi per la costruzione di piste ciclabili nell’area urbana ed extraurbana che colleghi con sicurezza tutti coloro, e sono molti, che preferiscono la bicicletta come valido strumento di mobilità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!