Furto in casa Prete

La rapina nel pomeriggio di venerdì

La moglie e la figlia sono rientrate in casa pochi minuti dopo che i malviventi avevano portato a compimento il furto: beni per un totale di 30mila euro Il primo pensiero di Alfredo Prete, presidente della Camera di commercio di Lecce, è andato a loro. Sui responsabili indagano i carabinieri che partiranno dalle impronte digitali rinvenute su un vetro

Il primo pensiero di Alfredo Prete, presidente della Camera di commercio di Lecce, derubato in casa lo scorso venerdì pomeriggio, è stato per la moglie e la figlia che solo per pochi minuti non si sono ritrovate faccia a faccia con i malviventi. Il resto, pazienza. Anche se i rapinatori che si sono introdotti nella sua abitazione hanno portato via beni per un totale di 30mila euro. E, tra questi, anche un orologio particolarmente caro a Prete, perché di proprietà del padre, e dei preziosi cui la moglie era molto legata. Ma l’importante è che non sia successo a alla sua famiglia. “Preferisco pensare al pericolo scampato da mia moglie e da mia figlia ma anche alla disponibilità e al conforto che ho ricevuto dai carabinieri e dallo stesso colonnello Luigi Robusto”. Sono infatti i carabinieri che stanno indagando sull’accaduto e stanno di verificare se il furto sia riconducibile alla banda delle ville che negli ultimi due anni ha svaligiato numerose abitazioni di politici, imprenditori, gente benestante. Potrebbe servire a far luce sui colpevoli il fatto di aver rinvenuto delle impronte digitali su un vetro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!