Litorale di Ugento protetto

La soddisfazione di Cosimo Borraccino

Il consiglio regionale ha approvato ieri il disegno di legge per l’istituzione del parco naturale di Ugento. Il Litorale di Ugento è stato inserito nella lista delle aree protette della legge 19/97

Grande soddisfazione per l’approvazione di ieri da parte del consiglio regionale del disegno di legge di istituzione del Parco naturale Regionale “Litorale di Ugento”. Con questo atto si è giunti all’inserimento dell’area Sic di Ugento nella legge 19/97, che istituisce il concetto di area parco in Puglia, soprattutto a seguito dell’interrogazione dell’ottobre 2006 rivolta dai consiglieri Borraccino e De Santis all’Assessore Losappio e alla battaglia della sezione del Partito dei Comunisti Italiani di Ugento. E’ stato dunque sancito l’ufficiale riconoscimento delle bellezze naturali e paesaggistiche del territorio ugentino e l’avvio dell’iter burocratico e amministrativo per l’istituzione del parco dopo un silenzio politico e amministrativo durato sei anni. “Tocca adesso andare avanti – sottolinea Cosimo Borraccino, consigliere regionale del PdCI – ovvero prevedere nel ‘Regolamento attuativo della legge’ e nel futuro ‘Piano del Parco’ gli strumenti urbanistici adeguati per la tutela del parco stesso; stabilire l’obbligo dell’assoggettamento a Via e Valutazione d’Incidenza degli immobili ricadenti in zone del parco già urbanizzate e delle costruzioni ricadenti nelle aree confinanti intorno ad esso; fissare misure di incentivazione dell’agricoltura e delle produzioni agricole di qualità di quelle zone ricadenti in area parco nonché misure di incentivazione per quelle opere da realizzarsi, previste dalla normativa statale e regionale (legge 394/1991 e legge 19/1997), in area parco e sostegno economico a tutte quelle attività turistico ricettive, eco-compatibili, di fruizione collettiva del parco e dei relativi servizi connessi al suo funzionamento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!