Santa Teresa a Tricase Porto

Una pioggia di fiori e di fuochi pirotecnici per la santa

I festeggiamenti inziano il 31 maggio e vanno avanti fino alla notte del 3 giugno. Tricase Porto onora, come si faceva una volta, Santa Teresa

Come da tradizione i festeggiamenti in onore di Santa Teresa coinvolgono l’intera comunità di Tricase Porto. Le mogli dei pescatori del posto iniziavano i preparativi raccogliendo le offerte nella vicina Tricase. Per giorni, inoltre, erano dedite a creare rose di carta colorate per l’addobbo della chiesetta e delle reti, che i pescatori mettevano a disposizione stendendole sul percorso della processione. Oggi la comunità di Tricase cercato di riprodurre, come da tradizione, la stessa atmosfera, allestendo la festa in onore di Santa Teresa con le stesse rose che un tempo addobbavano le strade del paese e riproponendo all’uscita della statua di Santa Teresa dal sagrato della Chiesa, la pioggia di rose, con i petali che per giorni i ragazzi del posto hanno raccolto. Inoltre nella giornata di sabato 2 giugno si è voluto riproporre con la sagra del pesce i piatti tipici della cucina dei pescatori che i nonni hanno tramandato di generazione in generazione affiancando ad essa la buona musica salentina della pizzica con il gruppo dei “Calanti”. La festa si svolgerà secondo il seguente programma: Programma religioso Dal 31 maggio al 2 giugno: ore 18.30: triduo di preghiera in preparazione alla festa, con celebrazione della messa. Domenica 3 giugno: ore 11: santa messa; ore 18.30: messa solenne con panegirico della santa; ore 19.30: processione a mare con pioggia di rose all’uscita della parrocchia. Programma civile Sabato 2 giugno: ore 21: sagra del pesce e dei prodotti tipici della cucina dei pescatori presso la vecchia “Rotonda”; ore 22: pizzica con il gruppo “I Calanti”; Domenica 3 giugno: In mattinata e durante la processione fino allo sparo dei fuochi presterà servizio l’associazione musicale “Don Tonino Bello” di Specchia; ore 23: sparo dei fuochi pirotecnici della ditta “Pirigiochi” di Giuseppe Chairappa di San Severo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!