“Cara Poli, ti scrivo”

Sulle proteste dei residenti di via Cicolella

Wojtek Pankiewicz esprime la sua solidarietà ai cittadini residenti in via Cicolella, preoccupati per la prevista costruzione di un grattacielo di 14 piani

Gentile sig. Sindaco, ho partecipato all'assemblea dei residenti di via Cicolella, organizzata dal “Comitato per il no”. I cittadini sono giustamente molto preoccupati per l'annunciata costruzione di un grattacielo di 14 piani da utilizzare per uffici comunali in una zona di villette residenziali, priva di verde attrezzato e di servizi sociali e nella quale si accede solo attraverso una strada di ridotte dimensioni quale è, appunto, via Cicolella. La invito gentimente, pertanto, a dare disposizioni perchè venga interrotto l'iter burocratico per la costruzione di tale ecomostro, in modo che possa essere il nuovo Consiglio comunale, che verrà eletto tra pochi giorni a prendere le opportune decisioni. Ella ripondendo ad altro candidato, che si sta occupando del medesimo problema, ha voluto ironizzare affermando che non sarà possibile costruire l'edificio entro il 27 maggio e che nei prossimi mesi sarà sua cura “ascoltare le ragioni degli abitanti, senza danneggiare gli interessi legittimi di chi ha maturato aspettative”. Il problema è proprio questo, sig, Sindaco, Ella avrebbe dovuto ascoltare le ragioni dei cittadini prima e non a cose fatte, quando, come afferma, ci sono già altri interessi legittimi e aspettative, il che complica tutto. Comunque, poichè se la sera del 28 maggio dovessi essere io ad avere l'onore di succederle sul massimo scranno di Palazzo Carafa, avrei intenzione di realizzare, nell'area in oggetto, un asilo nido e tanto, tanto verde attrezzato, fruibile dai cittadini, le rinnovo il cortese invito a sospendere l'iter burocratico della costruzione. Voglia gradire i più cordiali saluti Wojtek Pankiewicz Candidato sindaco per il Centro Moderato

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!