Beni confiscati al trafficante di hashish

Operazione del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Lecce

Era stato già arrestato a settembre dalla Guardia di finanza di Lecce perché trovato in possesso di sostanze stupefacenti ed esplosivo. Ma le indagini sono andate avanti e si sono concluse con la confisca dei beni

I militari del nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Lecce hanno eseguito un provvedimento di confisca, emesso dal Tribunale di Lecce, nei confronti di un trafficante di stupefacenti, già arrestato in flagranza di reato lo scorso mese di settembre perchè trovato in possesso di 52 chili di hashish e di 5 chili di esplosivo. Le indagini delle fiamme gialle, passate attraverso un’articolata ricostruzione dei flussi finanziari ed una verifica sulle effettive disponibilità, dirette o indirette dell’interessato, hanno fornito all’autorità giudiziaria un dettagliato quadro di situazione patrimoniale che ha portato all’emissione del decreto di confisca. Il provvedimento segue il sequestro preventivo operato l’11 gennaio 2007 dai militari del medesimo reparto, che avevano individuato ed assicurato all’erario l’importante patrimonio ritenuto illecitamente acquisito poichè sproporzionato rispetto alla posizione reddituale ed all’attività esercitata dall’arrestato e dai componenti del proprio nucleo familiare. Nello specifico la confisca ha riguardato tre appartamenti per civile abitazione, un’attività commerciale e relativi beni aziendali, un’autovettura e due imbarcazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!