I “ritornati” nel Salento

Lettera di uno dei tanti giovani professionisti di successo (e lontani da casa)

La lettera di un ingegnere aerospaziale salentino di successo al direttore marketing del Tacco ha aperto un dibattito sulla concreta possibilità per tanti professionisti di successo (lontano dalla propria terra) di ritornare a casa per lavorare. Si lamenta Gigi Bruno: “La scelta piú ovvia per tanti come noi allora é emigrare o rimanere nel nord d'Italia, una scelta forzata, non voluta!!!!”

Mario, ieri ascoltavo il programma anno zero di Santoro, si parlava delle solite cose: il clientelismo del meridione, il fatto che nel pubblico i figli di chi é in politica vincono i concorsi o vengono assunti direttamente, etc. Ne é emerso come anche i politici non vogliono cambiare le regole, sarebbe infatti sufficiente decidere che se sei figlio del sindaco non puoi avere un incarico dal comune, per esempio. Inoltre, da anni si susseguono sempre le stesse facce, le stesse persone e continua il solito magna magna…. Questo impedisce lo sviluppo, la concorrenza, la possibilitá che chi meriti un posto lo ottenga per davvero. La scelta piú ovvia per tanti come noi allora é emigrare o rimanere nel nord di italia, una scelta forzata, non voluta!!!! Come fare per cambiare? Fondiamo un movimento politico apartitico: i ritornati! Quelli che sono stati fuori e vogliono portare la loro esperienza a casa. Quelli che vogliono cambiare la mentalitá del meridione. Giovani, volentorosi, onesti. Siamo un casino di persone della nostra generazione. Facciamo una pagina web dove ci si possa iscrivere e ognuno conosca gli altri “ritornati”! Le famiglie dei ritornati li appoggierebbero, gli amici pure. Mai come adesso siamo tantissimi….piazziamo sindici e poi alla provincia…poi la regione, etc. Ci si candida con dei requisiti, non perché si vuole solo fare politica: max 40 anni, un soggiorno fuori, una laurea, etc. Sono convinto che il movimento troverebbe molti consensi anche in chi si é stancato di come vanno le cose, in chi é anziano ed ha lavorato in Svizzera o in Germania, in un cantiere per 40 anni, e sono tanti nel Salento. Chi ha i figli lontani e li vuole “ritornati”. Mario…appoggiami….facciamolo…. Un RITORNATO! Come te… ____________________________ Luigi Bruno Design Engineer Cabin VIP & Government Jet Maintenance Lufthansa Technik AG Engineering – HAM WY52/E Weg beim Jaeger 193 22335 Hamburg, Germany _____________________________

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!