“False promesse ai lavoratori”

De Cristofaro contro la propaganda pre-elettorale

“Non possiamo assistere inermi al triste cinico spettacolo di quanti per procacciarsi anche solo una manciata di voti continuano, come da copione, a promettere posti di lavoro prima delle elezioni. I lavoratori di Automat, i 13 della Lupiae, Asea, Sgm e tanti altri vedono il loro futuro su un filo di rasoio e c’è chi ancora ha la capacità di buttar loro fumo negli occhi con le menzogne”

“Basta con le false promesse e i ciarlatani mascalzoni inveterati”. Così Mario De Cristofaro esprime indignazione per la propaganda preelettorale che punta sulle miserie, le difficoltà e le speranze dei cittadini per raccogliere voti e consensi; “una triste ripugnate ripetizione, un refrain ormai incancrenito e abietto che non guarda in faccia nessuno”. Il riferimento è alla situazione in cui versano molti lavoratori salentini, a rischio licenziamento o cassintegrati ma anche ai disoccupati in cerca del primo lavoro. “Esprimo piena solidarietà a tutti loro – dichiara De Cristofaro – ma non possiamo assistere inermi al triste cinico spettacolo di quanti per procacciarsi anche solo una manciata di voti continuano, come da copione, a promettere posti di lavoro prima delle elezioni. I lavoratori di Automat, i 13 della Lupiae, Asea, Sgm e tanti altri vedono il loro futuro su un filo di rasoio e c’è chi ancora ha la capacità di buttar loro fumo negli occhi con le menzogne. Invito gli amministratori di queste aziende a sconfessare questi bugiardi pubblicamente, a dichiarare alla stampa che non ci sono posti di lavoro in arrivo”. Stessa richiesta viene fatta dal candidato ai vertici della Fiat soprattutto all’indomani delle voci ufficiose che parlano di colloqui, in questi giorni in città, fatti con la promessa di un futuro impiego presso l’azienda torinese. “I candidati che promettono posti di lavoro devono essere denunciati per truffa – continua De Cristofaro – chiedo quindi alla magistratura di aprire un’inchiesta contro ignoti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!