Parabita. Uno Sportello per le donne

Il Comune aderisce al progetto del Centro Provinciale di Promozione e Coordinamento della Prevenzione dei Tumori Femminili

Presentato in Provincia lo scorso 26 aprile, lo Sportello Informa Donna di Parabita offrirà assistenza in tema di prevenzione oncologica. Il 4 maggio si terrà un incontro pre-operativo in vista dell’apertura ufficiale

Alla presenza delle autorità, tra le quali Loredana Capone, assessora provinciale alle Pari Opportunità, si è tenuta lo scorso 26 aprile, presso il Palazzo Adorno della Provincia di Lecce, la conferenza stampa di presentazione dello Sportello Informa Donna (S.I.D.) di Parabita. Tale Sportello, che nasce proprio nell’ambito del progetto del Centro Provinciale di Promozione e Coordinamento della Prevenzione dei Tumori Femminili – Lecce, cui la città di Parabita ha aderito, e che rappresenta solo un momento di un progetto più ampio che l’amministrazione comunale intende avviare e realizzare in favore delle donne, ha come obiettivo immediato quello di offrire utili informazioni sui temi della prevenzione oncologica oltre che la possibilità di prenotare ed eseguire gratuitamente pap-test e mammografia presso le strutture sanitarie pubbliche proposte. Il S.I.D. che sarà attivato con la collaborazione degli operatori del Centro Informagiovani (CIG) e delle operatrici del Centro provinciale di prevenzione, sarà in funzione presso il CIG in via Luigi Ferrari a partire da martedì 8 maggio (ore 17.00 – 19.00) e sarà aperto al pubblico tutti i martedì (stesso orario). Alle ore 18 del prossimo 4 maggio si terrà presso il Palazzo comunale un incontro pre-operativo con i responsabili delle struttura: medici di famiglia presenti sul territorio comunale, associazioni di volontariato e organizzazioni femminili attive sul territorio, nonché delle autorità sanitarie locali. La presentazione pubblica del S.I.D. alla cittadinanza sarà invece effettuata in data da destinarsi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!