Copertino. E’ raccolta differenziata

Contenitori marroni e verdi. E giorni prestabiliti per tipo di rifiuto

Sono partite lo scorso 30 aprile le procedure per il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti. Presto si arriverà alla rimozione dei cassonetti dal centro urbano

Data storica per il Comune di Copertino quella del 30 aprile in tema di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, principale obiettivo della “Copertino Multiservizi Spa”. “Dopo la prima fase di stringente controllo di gestione per ottimizzare le risorse disponibili e contenere i costi sostenuti, dopo le campagne di informazione e sensibilizzazione – ha ricordato Franco Causo, amministratore delegato della società – parte finalmente la raccolta differenziata porta a porta spinta di terza generazione. Si tratta della prima esperienza in provincia di Lecce per un Comune di dimensioni superiori a 20mila abitanti. Il primo obiettivo eclatante – ha proseguito – è la riduzione del canone di servizio per il Comune. Il lavoro di oggi e dei prossimi mesi sarà il volano per fare della nostra società un modello di crescita e di efficienza oltre che di riferimento per Copertino anche per l’intero comprensorio, nonché motivo di orgoglio per i cittadini di Coartino che di questa azienda sono proprietari”. A partire da lunedì scorso si è dunque passati alla “sigillatura” graduale dei cassonetti stradali che poi saranno definitivamente rimossi dal centro urbano. Le famiglie conferiranno il rifiuto indifferenziato nei contenitori marroni ed i rifiuti recuperabili in quelli verdi. L’indifferenziato sarà intercettato il lunedì, il mercoledì ed il sabato; il martedì sarà raccolta la plastica; il giovedì la carta ed il venerdì l’alluminio e le lattine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!