31-30. La Italgest della pallamano cade a Trieste

Seconda gara delle semifinali play-off

E’ stata una gara equilibrata e giocata con grande intensità quella contro il Trieste. Che si è conclusa con la vittoria, di misura, della squadra di casa ai danni dei salentini

La Italgest Salento d’Amare cade a Trieste nella seconda gara delle semifinali play-off con il risultato di 31 a 30. Una sconfitta giunta al termine di una gara equilibrata e di grande intensità. Sono i padroni di casa ad aprire le marcature con Tomic ma anche in questa seconda gara è l’equilibrio a regnare. Per i primi sei minuti il risultato è fermo sul 3 pari. Le due squadre si alternano nelle marcature fino all’8 pari (15’) firmato per i triestini da Ivancic su rigore. La gara prosegue tirata fino al 16-15 che chiude la prima frazione di gioco in favore del Trieste. In avvio di secondo tempo Tarafino pareggia per la Italgest (16 –16), Ivancic fallisce un penalty e Popovic, su rigore porta in vantaggio gli ospiti per 16-17. La Italgest allora prova ad imporsi e mantenere il vantaggio. La gara prosegue: Lisicic al 18’ firma il 25 a 23 per i salentini. Lo Duca e Tomic riagguantano il risultato (25-25) ma è Torbica a riportare in vantaggio i rossoazzurri di Barrios (26-25). Nel finale il Trieste ritorna in partita, aggancia la Italgest sul 30 pari e la supera grazie ad un rigore assegnato a sette secondi dal termine e trasformato da Ivancic. Nell’altra semifinale l’Indeco Conversano supera il Bologna con il risultato di 26-24. Tutto rimandato alla terza partita per le quattro formazioni, dunque.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!