Una consulta per i problemi della gioventù

La proposta di Pankiewicz

Il tour di Wojtek Pankiewicz oggi prevede incontri con gruppi e dirigenti di associazioni sportive, culturali e ricreative. Perché, secondo il candidato sindaco del Centro moderato, bisogna che i giovani riscoprano il gusto della vita

Il 30 aprile il tour elettorale di Wojtek Pankiewicz, candidato sindaco di Lecce per il Centro moderato, prevede incontri con gruppi e dirigenti di associazioni giovanili culturali, sportive e ricreative. “Forse tutti ci siamo accorti che stiamo vivendo uno dei momenti più aridi della lunga vita dell'uomo – ha dichiarato Pankiewicz -. Mai come oggi la vita è stata alleviata da spine e da fatiche grazie a mezzi tecnici che sono sempre più alla portata di tutti. Mai come oggi, tuttavia, i giovani che pur vivono in un modo che sarebbe sembrato un sogno ai giovani delle passate generazioni, sono stati così stanchi, disorientati, smarriti. Purtroppo oggi molto spesso accade che la vita si riduca a un paziente acquisto di beni materiali, venendo così a perdere significato e bellezza, inducendo i giovani a cercare un momento di gratificazione interiore nei paradisi senza speranza dell' alcol e della droga. E' tempo di dire ai giovani in preda allo smarrimento – ha continuato – che la vita ha altri scopi che non quello di conquistare un livello economico soddisfacente. Pur riconoscendo la necessità di quest'ultimo, che però è solo un mezzo per vivere meglio, la grande fortuna che dobbiamo augurarci è di spendere la vita per un fine degno, per un alto ideale. E gli ideali non mancano. Sono l'amore, la giustizia, la pace, la solidarietà. I giovani devono essere soggetti e non solo oggetti dell'attività amministrativa. Per questo – ha concluso il candidato primo cittadino – ho candidato nelle mie liste molti giovani e per questo, se eletto sindaco costituirò la Consulta comunale per i problemi della gioventù”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!