Un consiglio sulla mucillagine

Barba invoca dinamismo e celerità di interventi

Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, si è detto deciso più che mai a risolvere il problema della mucillagine che da ormai troppo tempo è causa di disagi per le tante famiglie di pescatori che hanno dal mare l’unica fonte di sostentamento

“Lo stato d’agitazione dei pescatori gallipolini e salentini è condiviso e supportato dall’intera cittadinanza jonica, dalla nostra amministrazione e da tutte le istituzioni che in ogni settore, a vario titolo e con vario ruolo, sono presenti nella nostra area territoriale. Proprio per questo nelle prossime ore chiederò l’indizione di un consiglio comunale monotematico sulle varie problematiche che, ormai da troppo tempo, attanagliano la pesca, l’intero comparto ittico ed i loro protagonisti economici e sociali”. Così Vincenzo Barba, sindaco di Gallipoli, commenta la condizione di disagio causata della mucillagine che i pescatori della città bella vivono ormai da mesi. “E’ bene ribadire – continua – che la pesca è una risorsa di economia, di socialità, di storia e di identità della città di Gallipoli. Senza la pesca ed i pescatori la nostra città non sarebbe più la stessa. E’ doveroso che le vuote parole, spesso strumentali, da parte di chi pur ricoprendo incarichi di governo a livello nazionale e regionale non sembra muoversi con il dinamismo e la celerità che sarebbe auspicabile per fronteggiare la crisi, vengano messe da parte, anche perché, su alcune questioni che tutti conosciamo molto bene e che sono alla base delle legittime rimostranze dell’intera categoria, l’esasperazione dei nostri pescatori, preoccupati per la sicurezza economica e la serenità delle loro famiglie, ha raggiunto livelli che non sono più sostenibili”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!