Fiordibarocco ai nastri di partenza

Scade il 14 maggio l'iscrizione all'unico concorso di decorazione floreale del sud Italia

Tutti gli appuntamenti: sabato 19 maggio : concorso (ore 9 -13), serata di premiazione (ore20,30, salone Maria D’Enghien, castello Carlo V). domenica 20 maggio (concorso aperto al pubblico in concomitanza della giornata Cortili Aperti). Corso di preparazione gratuito, presso la sala conferenze del castello Carlo V: 7-12 maggio, ore 16 -18. Termine ultimo per l’iscrizione al concorso: 14 maggio

FiordiBarocco continua ad essere l’unico concorso di decorazione floreale di tutta l’Italia centro meridionale. La partecipazione è gratuita. Il tema e le categorie di questa edizione sono ispirate ancora una volta ad un elemento della natura : il vento. Meglio: La rosa dei venti. Le categorie, come sempre, sono state pensate per sollecitare e coinvolgere la partecipazione dei dilettanti a cui il concorso è rivolto; unici requisiti richiesti: un po’ di creatività e tantissimo amore per la natura ed in particolare per i fiori . Il concorso, giunto alla ottava edizione, dimostra in un sinfonico crescendo, di essere sempre un valido strumento di promozione per la nostra città, confermato dalla grande quantità di pubblico che annualmente richiama, e per la presenza sempre più numerosa di partecipanti provenienti da tutt’ Italia. Le novità di quest’anno sono due: la realizzazione del sito www.fiordibarocco.it , nel quale sono contenute tutte le informazioni necessarie per i concorrenti, ed è corredato di una mappa interattiva utile per raggiungere Lecce da qualunque città d’Italia, e per visualizzare l’ubicazione dei luoghi del concorso, inoltre consente di partecipare al concorso compilando la scheda di iscrizione direttamente nel sito; un premio per il vincitore del concorso (Grand Prix) di una carta di credito prepagata del valore di mille euro, offerta dal Monte dei Paschi di Siena. Ma ci sono anche altri premi interessanti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!