Un Milionario da 500mila euro

Mistero sull'identità del fortunato

Il titolare del “Geo Cafè”, dove sarebbe stato acquistato il biglietto fortunato del “gratta e vinci” da 500mila euro pensa che sia trattato di uno scherzo. Ma qualcuno, sabato sera, gli ha recapitato, proprio sotto la saracinesca dell’esercizio commerciale la fotocopia del biglietto vincente

Una copia fotostatica di un biglietto del concorso al “gratta e vinci” con un grazie rivolto al titolare della ricevitoria. Un anonimo giocatore di concorsi a premi istantanei ha comunicato in questa forma più che sperimentata la favolosa vincita di 500mila euro al “Miliardario”. Il messaggio è stato recapitato a mano sabato sera sotto la porta d’ingresso del “Geo Caffè” di via Pendino a Casarano, un bar piuttosto frequentato situato di fronte all’Istituto per Geometri. Il titolare dell’esercizio pubblico, Francesco D’Aquino, se l’è visto consegnare verso le ore 22.30, quando aveva ormai chiuso il bar. “Avevo già abbassato le tendine e chiuso la porta a chiave – racconta –, stavo facendo le ultime pulizie prima di uscire, quando ho sentito un’automobile che si fermava qui davanti. Ho sentito uno che scendeva dalla macchina e che si avvicinava al bar. Ho pensato: adesso trova chiuso e se ne va. Invece, non ha fatto il tentativo di aprire la porta, ma ha infilato il foglio di sotto, è tornato in macchina ed è andato via”. Il titolare del bar, incuriosito, ha preso il foglio e quando si è reso conto che si trattava di una presunta vittoria con un biglietto del “gratta e vinci” il misterioso giocatore era ormai lontano. Anche se le modalità di comunicare la vincita al venditore del biglietto e la data in cui è avvenuta (la vigilia del 1° aprile) farebbero pensare ad uno scherzo, è difficile individuare il fortunato vincitore. Il “Geo Caffè”, infatti, si trova in un punto di passaggio della città, su una delle direttrici più trafficate, che porta gli automobilisti dalla zona del Capo di Leuca verso le strade provinciali per Ruffano e Supersano, la zona industriale e verso la statale per Maglie. Nelle vicinanze dell’esercizio pubblico, inoltre, si trovano l’Istituto per Geometri e l’ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!