Ugento pensa a giovani ed associazioni

Le due proposte di deliberazione avanzate da Nico Giannuzzi

L’istituzione del consiglio comunale dei ragazzi che contribuisca a renderli ancora più individui con bisogni e specificità proprie, ed un Regolamento comunale che disciplini i criteri di concessione di contributi da parte del Comune a vari strati della popolazione. Sono le due proposte di Giannuzzi in consiglio

Due proposte di deliberazione sono state depositate nei giorni scorsi da Nico Giannuzzi, presidente dell’assise ugentina. Esse riguardano, l’una, l’istituzione per la prima volta ad Ugento del consiglio comunale dei ragazzi, l’altra l’approvazione di un nuovo Regolamento comunale che disciplini i criteri per la concessione di sovvenzioni e contributi alle associazioni che operano sul territorio, stabilisca le regole per l’istituzione dell’Albo comunale delle associazioni, indichi il procedimento e le modalità per la concessione del patrocinio comunale e per la concessione di sussidi alle persone che versano in condizioni disagiate. “Si tratta di due importanti provvedimenti attesi da tempo dalla comunità ugentina. In particolare, con il primo provvedimento – precisa Giannuzzi – intendiamo riconoscere le bambine ed i bambini di Ugento quali soggetti sociali autonomi, portatori di diritti propri e bisogni specifici e intendiamo sostenere lo sviluppo delle opportunità finalizzate al miglioramento della loro qualità di vita, nonché alla concreta affermazione della loro centralità nella vita sociale. Con il secondo provvedimento – continua – intendiamo, invece, regolare in maniera trasparente i criteri e il procedimento per la concessione di vantaggi economici alle associazioni che operano sul territorio, consentendo alle stesse l’iscrizione in un apposito Albo tenuto presso il Comune, suddiviso in aree tematiche di azione, anche al fine di consentire effettivamente a tutte di accedere ai finanziamenti erogati annualmente dall’amministrazione. Nelle stesso provvedimento – illustra Giannuzzi – si disciplinano le modalità e i criteri per la concessione del patrocinio comunale e si prevede un particolare procedimento amministrativo che si conclude con l’emanazione di un decreto motivato di concessione da parte del sindaco. Si disciplinano, infine, le modalità per la concessione di aiuti alle persone che attraversano momenti di particolare difficoltà economica prevedendo particolari forme di assistenza economica nel pieno rispetto della persona, rivolte a favorire il superamento di situazioni di bisogno che spesso danno origine a fenomeni di esclusione sociale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!