il Correntone verso una grande forza di sinistra

si anima il blog www.sinistradslecce.blogspot.com

LA dirigenza della seconda mozione congressuale diessina rifiuta la possibilita' di fare la sinistra del Partito Democratico

di Gigi Spedicato Coordinatore regionale Sinistra DS della Puglia Dove andiamo: verso una grande forza di sinistra. Nel documento approvato oggi dalla dirigenza della seconda mozione congressuale diessina si liquida la possibilita' di fare la sinistra del Partito Democratico, destinata ad una funzione minoritaria e ininfluente, un'altra frazione in un partito di incerta identita' che si presenta sin da ora come un campo trincerato di frazioni personalizzate. L'altra possibilita' ''piu' difficile, meno rassicurante e piu' ambiziosa, piu' affascinante e piu' utile al Paese e al centrosinistra'' e' aprire ''un processo politico nuovo a sinistra, ora che tutta la sinistra, senza eccezioni, condivide la stessa responsabilita' di governo''. Un processo a sinistra, si legge ancora, ''che superi le contrapposizioni tra riformisti e radicali e che abbia come obiettivo quello di raccogliere forze per crearne una piu' grande, una forza unitaria e di governo, collocata nel Pse, alleata e competitiva con il Partito Democratico''. Non si prefigura quindi, per quanto si legge nel documento, il tentativo di una sommatoria tra partiti esistenti, ma una sorta di costituente aperta dalla sinistra riformista al bacino del Prc. Questa impostazione e' stata approvata all'unanimita' dall'assemblea di oggi, pur con qualche distinguo, come quello espresso dall'esponente del correntone Vincenzo Vita, anche in questo processo sui tempi ristretti indicati dalle parole di Mussi. La creazione di un nuovo soggetto viene generalmente ritenuta ineludibile anche se da qualche settore della sinistra diessina si chiede una maggiore gradualita' nel distacco definitivo dalla locomotiva della maggioranza diessina, che pone comunque la costituzione definitiva del Partito Democratico alla primavera del 2008, mentre Mussi pone lo spartiacque a Firenze, al termine del congresso nazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!