Piazza Palio: quattro goccie e un pantano

Denuncia del Codacons Lecce sullo stato della periferia cittadina

L’Avv. Piero Mongelli ci ha inviato questa foto che ritrae un'allagata Piazza Palio, lamentandone lo stato di abbandono

Riqualificare Piazza Palio per renderla spazio disponibile per tutti è un obiettivo possibile. Il Codacons critica la scelta di accogliere manifestazioni musicali e circensi nella piazza a ridosso della strada per San Cataldo, sia per la vicinanza di molte famiglie che hanno il diritto al riposo notturno, sia per ben più importanti motivi di sicurezza. In caso di incidente, il catino che costituisce la Piazza ed al cui interno si svolgono queste manifestazioni potrebbe rappresentare un insuperabile ostacolo naturale con conseguenze che potrebbero anche essere drammatiche. Mongelli denuncia poi le pietose condizioni in cui versano i marciapiedi che circondano l’ovale e l’ovale stesso. Conclude con l'appello a trovare ed attrezzare un’area dove poter svolgere in piena sicurezza, tranquillità e con tutela del sonno delle famiglie le manifestazioni circensi e musicali che attualmente sono ospitate in Piazza Palio. La storia del riposo notturno dei residenti l'abbiamo già sentita nel centro storico. Credo che la tolleranza verso manifestazioni che animano le periferie sia doverosa. Diverso il ragionamento sulle pietose condizioni della Piazza Palio: meglio concentrasi su quelle

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!