Controlli su chi ha ruoli di responsabilità

La proposta di Poli Bortone

Adriana Poli Bortone, coordinatrice di An in Puglia, torna a sostenere la necessità di test che verifichino la dipendenza da droga o alcool per chi svolge ruoli di responsabilità

“Mi convinco sempre di più che sia necessario prevedere dei test che verifichino e misurino il grado di dipendenza da sostanze illecite per chiunque abbia ruoli di responsabilità”. Così Adriana Poli Bortone, coordinatrice di Alleanza Nazionale in Puglia, rilancia la proposta di istituire obbligatoriamente test medici per verificare la dipendenza da alcool o droghe per i soggetti che hanno ruoli di responsabilità nelle sfere sociali ed istituzionali. “Se ragionevolmente – spiega Adriana Poli Bortone – ad un soggetto dipendente dall’uso di droga o alcool non puoi affidare una automobile, non capisco come si possa pensare di non impedirgli di assumere, per esempio, la responsabilità della guida di una istituzione pubblica o dell’insegnamento. Servono test periodici nella politica, nella pubblica amministrazione, nelle scuole. Nei giorni scorsi – prosegue – ho letto di una insegnante che nascondeva la droga negli slip, oggi apprendo di nuove indagini scientifiche che confermano la nocività di alcool e sigarette (addirittura superiore a quella delle droghe sintetiche), recentemente importanti quotidiani britannici hanno rilanciato l’allarme sulla pericolosità della cannabis. Insomma, mi pare che nessuno possa mettere in discussione né la diffusione delle sostanze proibite o nocive, né la loro pericolosità sulla salute. E quindi, la prospettiva molto concreta di un vero e proprio allarme sociale. Ferma restando l’opera di prevenzione e di una vera e propria strategia culturale sull’uso di tutte queste sostanze e ferma anche la libertà di ciascuno di noi di orientare liberamente la propria vita, insisto nel ritenere – conclude – che la previsione di test periodici possa almeno darci un minimo di garanzie”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!