Anche questa è fatta!

Il Lecce fa sua anche la seconda gara interna consecutiva

Con una prestazione non proprio brillante e con un rigore trasformato da Valdes, il Lecce guadagna quei tre punti che servivano, condannando l'Arezzo dell'ex Antonio Conte (anche oggi contestato dalla tifoseria)

Lecce ed Arezzo due squadre con problemi di classifica. Ma mentre per i giallo rossi l’obiettivo è quello di sfruttare questa seconda gara interna per allontanarsi dal pericolo bassa classifica, la situazione è ben più drammatica (data la ultima posizione) per gli uomini di mister Conte (salentino ed giallorosso, non amato dalla tifoseria locale per una passata esultanza dopo un gol quando vestiva la maglia della Juve) ed è proprio l’emergenza che nei primi minuti di gioco li fa partire offensivi ed agguerriti tanto da mettere in difficoltà il Lecce, prima con un’incursione di Volpato, azione neutralizzata da Vives prima e Rosati poi, con un paio di tentativi di Floro Flores, ma è al 20’ ancora Volpato a provarci con un tiro non molto preciso che però impegna il giovane Rosati che devia in corner. Ma appena un minuto dopo arriva la svolta della partita: Di Donato mette a terra, in area, Giuliatto, il signor Marelli indica il dischetto e Valdes trasforma per l’1 a 0. da qui fino alla fine del primo tempo accade ben poco. Da registrare un ottimo cross di Valdes (anche oggi in splendida forma) per Tesser che, in area, tenta il tiro, poco potente e di poco a lato. Al 35’ Floro Flores non trovando altro cerca la via del penalty cadendo in area ma l’arbitro lo ammonisce (senza protesta di alcuno) per simulazione, l’attaccante sullo scadere potrebbe approfittare di una svista di Schiavi, ma il suo tiro (in area) sfiora il secondo palo. All’inizio della ripresa ancora lui avrebbe una buona possibilità ma va liscio sul tiro-cross di Volpato, il quale al 5’ impegna Rosati con un colpo di testa. Al 6’ mister Papadopulo chiama fuori Vives per Diarra ed al 9’ Floro Flores calcia di poco a lato una punizione dai 20 metri. All’11 si vede finalmente Tiribocchi che sugli sviluppi di un corner tenta il tiro di testa, parato però da Bremec, stessa sorte per il tiro al limite dell’area di due minuti dopo, giusto in tempo per lasciare il posto a Osvaldo al 15’, allo stesso minuto anche i primo cambio per l’Arezzo: esce Di Donato ed entra Togni, il quale al 33’ potrebbe anche sfruttare meglio la chance offertagli da Rosati fuori dai pali, ma il suo tiro è impreciso. Da segnalare anche tre tentativi a firma di Osvaldo su servizio di Valdes, in ultimo la splendida azione di quest’ultimo che dalla distanza aggancia la sfera, avanza si libera di tre avversa e dal limite del fondo tenta il tiro poi deviato. Mentre al 43’ tocca a Floro Flores che con il suo tiro fa il pelo al secondo palo. Dunque il Lecce rialza la testa ed avanza in classifica allontanandosi da quella zona nella qual invece sembra ormai condannato l’Arezzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!