Video shock a scuola. Nuovi dettagli

Continuano le indagini a proposito dello scandalo all’aeronautico di Lecce

Il filmato della docente che si lascia accarezzare dagli studenti sarebbe solo il risultato di un comportamento ormai consolidato, di eccessiva familiarità, tra prof e ragazzi. Inoltre, il video sarebbe stato inserito sul web da un adulto

Non trova conclusione, almeno per il momento, lo scandalo del video, girato a scuola, che riprende una docente che si lascia palpeggiare da alcuni studenti, riuniti attorno alla cattedra. Nuovi particolari sono emersi nei giorni scorsi a scapito della prof dell’istituto aeronautico “Euromasters” dell’Oxford di Lecce. Oltre 30 persone confermerebbero, infatti, l’abitudine della donna a mantenere un rapporto con gli studenti poco aderente alla sua funzione educativa. Maria Cristina Rizzo, pubblico ministero, e i carabinieri del Nucleo operativo del Reparto operativo sono giunti alla conclusione che quel video fosse il risultato di un rapporto ormai consolidato di eccessiva familiarità tra l’insegnante e gli studenti. Inoltre, pare che fosse consuetudine per la donna lasciarsi ritrarre dagli obiettivi dei cellulari dei ragazzi e selezionare gli scatti migliori. Ma dalla indagini sono emersi altri due particolari di notevole importanza: un consiglio di istituto si sarebbe riunito per discutere dei comportamenti sconvenienti della docente; il video sarebbe stato inserito su “You Tube” non dai ragazzi ma da un adulto. Tutte queste circostanze sono state elencate nell’avviso di garanzia recapitato nei giorni scorsi alla prof per avvertirla di presentarsi in Procura per l’interrogatorio. Lei ha preferito non rispondere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!