Cittadini comunitari al voto

Tempo fino al 17 aprile per iscriversi alle liste elettorali

L’ufficio “Servizi Immigrazione Salento” e lo “Sportello dei Diritti” della Provincia di Lecce ricordano a tutti i cittadini comunitari e neocomunitari residenti in Italia di iscriversi alle liste elettorali del Comune di residenza per esercitare il proprio diritto di voto

In prossimità delle elezioni amministrative del 27 e 28 maggio ed al fine di poter permettere l’esercizio del diritto di voto nelle elezioni comunali a tutti i cittadini che abbiano i requisiti previsti dalla legge, l’ufficio “Servizi Immigrazione Salento” della Provincia di Lecce ricorda a tutti i cittadini comunitari residenti nei territori dei Comuni interessati, e che ancora non l’abbiano fatto, di iscriversi nelle liste elettorali del Comune di residenza entro e non oltre il 17 aprile (ultima data utile dal giorno di affissione del manifesto di convocazione dei comizi elettorali) per poter esercitare il proprio diritto di voto. I cittadini comunitari e neocomunitari residenti nei Comuni dove si voterà appartengono ai seguenti Paesi europei: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. In particolare, potranno votare per la prima volta anche i cittadini rumeni e bulgari. L’iscrizione può essere effettuata sottoscrivendo gli appositi moduli che possono essere ritirati presso l’ufficio “Servizi Immigrazione Salento”, in viale Marche n. 17 a Lecce (tel. 0832/342703) e che dovranno essere regolarmente protocollati presso l’Ufficio Protocollo del Comune di appartenenza. Per la Provincia di Lecce i Comuni interessati dal voto sono Lecce, Nardò, Galatone, Aradeo, Castrignano De’ Greci, Castro, Leverano, Martano, Matino, Otranto, Racale, Salice Salentino, San Cesario di Lecce, San Pietro in Lama, Scorrano, Uggiano La Chiesa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!